La voce della scuola

Perché Miur Radio Network? Perché la voce della scuola? Un po’ lo abbiamo spiegato nel nostro editoriale. Ma vogliamo rispondere a questa domanda con un piccolo approfondimento.

Con questa radio vogliamo raccontare la vita quotidiana e le buone pratiche della scuola, vogliamo mettere in primo piano i temi che interessano i milioni di studentesse e studenti che ogni giorno siedono tra i banchi. Vogliamo informare sui progetti in atto e rilanciare le notizie prodotte dal Miur. Vogliamo entrare nell’istituzione e andare a caccia di tutto quello che bolle in pentola e che ci riguarda. Perché la scuola siamo noi.

Raccoglieremo le voci delle nostre e dei nostri coetanei e interagiremo con loro sui nostri canali social. Vogliamo colmare le distanze fra noi e le istituzioni, in particolare il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca: quello che più incide sulla vita di studentesse e studenti.

Le opportunità e progetti che riguardano le studentesse e gli studenti spesso non sono abbastanza conosciuti. E vogliamo scoprirli ora, insieme a voi. La Maturità, le Olimpiadi scolastiche, il Piano Nazionale Scuola Digitale, quello per l’educazione al rispetto, le azioni di supporto e sensibilizzazione svolte da Generazioni Connesse, il Safer Internet Centre italiano per contrastare il bullismo, il cyberbullismo, i concorsi e i bandi pensati per dare spazio alla nostra creatività, le opportunità offerte dal programma Erasmus. Vogliamo permettere che ognuna e ognuno abbia tutte le informazioni utili. Vogliamo anche raccontarvi le cose belle che accadono nelle nostre scuole e intorno alle nostre scuole, in modo fresco e dinamico. Vogliamo essere davvero la voce della scuola. Vi aspettiamo!

7 thoughts on “La voce della scuola

  1. Carissimi tutti buongiorno,
    sono oltremodo contento che finalmente ci sia una radio che ci accompagna nelle lungHe giornate in ufficio e nelle varie sezioni o postazioni di lavoro, auspico che col tempo si possa pensare di fornire le hall degli istituti scolastici questo meraviglioso strumento.
    La musica è un linguaggio universale, oltremodo vorrei chiedervi se fosse possibile alternare 1 brano in italiano e uno in altra lingua, mi sembra che i messaggi debbano entrare dolcemente nel cuore degli studenti, del personale, dei docenti e dei genitori semplicemente e in modo dolce.
    GRAZIE A TUTTI.
    PACE E BENE

  2. Carissimi buongiorno, stamane pensavo che sarebbe bello fare un progetto che preveda una connessione in tutte le sale di ingresso (hall) degli istituti scolastici dove ci sono gli uffici amministrativi, credo che basterebbe un piccolo apparecchio (tipo arduino inscatolato con una cassa acustica e sincronizzato al link della Nostra radio “La voce della scuola”) credo che un azienda seria possa progettare il tutto con non più di 40 euro, Posso indicarvi che nei nostri istituti superiori di informatica ITIS, si potrebbe imbandire un concorso per la progettazione e l’esecuzione del progetto. E’ solo un sogno per vedere finalmente le scuole connesse e unite da un semplice strumento educativo come questa radio in striming, ma chissà forse anche voi sognate come me e riuscirete ad intercedere presso il Ministro per far passare il bando. Pax Vobis.

  3. Mi piace. Noi abbiamo sperimentato il podcasting in un paio di classi. Ci piacerebbe partecipare parlando della nostra esperienza erasmus Ka1 e Ka2

  4. CARISSIMI, IN QUESTI GIORNI D’ESTATE DOVE LE SCUOLE SONO PRESSOCHE’ VUOTE E A VOLTE NOI IMPIEGATI/E CI SENTIAMO SCORAGGIATI , LA NOSTRA RADIO (La voce Della Scuola) CI MANTIENE OPERATIVI E GRINTOSI, Grazie e tutta la redazione e a quanti hanno pensato questo strumento.
    Pax Vobis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *